Archivi categoria: A ruota libera

The Jethro Tull Rock Opera

30 novembre 2015

The Jethro Tull Rock Opera

Teatro Colosseo, Torino, con Margot!

Spettacolo meraviglioso. Seppur raccolto ed un po’ troppo multimediale (con gli ospiti virtuali: Unnur Birna Vilhjálmsdóttir e Ryan O’Donnell) mi è parso persino migliore dell’unico concerto che avevo visto (quasi 20 anni fa) al Palazzetto dello Sport (Parco Ruffini) e che già mi era parso eccelso.

Unnur Birna Vilhjálmsdóttir and Ian Andarson

The Jethro Tull Rock Opera - live

Fantastico.

Altri problemi risolti…

Alla faccia della semplicità!

Pensavo che i miei problemi di col sito si fossero esauriti, ma evidentemente, non avevo calcolato bene. Solo oggi sono finalmente riuscito a sistemare le connessioni con i database MySql ed ftp…

Adesso, non mi rimane che rispolverare le mie conoscenze ultra-arruginite di html, css, php e chi più ne ha ne metta: c’è la home page che in questo momento grida vendetta, ma la migliorerò.

On-line!

Libera l’hacker che c’è in te!
Potrebbe essere il mio motto…

Dico ciò a problema risolto, ma racconto un minimo di storia.
Volendo “metter su” nuovamente un sito in hosting ho cercato in internet, al fine di trovare un provider che offrisse spazio illimitato. Aruba (almeno ufficialmente) dichiara ciò (come tutti gli altri, naturalmente lavora in overselling, ovvero sfrutta il fatto che il 99% di chi è in hosting non sfrutta che pochi mega di spazio…), quindi, è stato il primo intervistato. Il prezzo, mi pareva relativamente buono, come il complessivo dei pacchetti offerti.
Cerco quindi di attivare il dominio, ma durante la registrazione mi viene ricordato che sono già registrato e che quindi debbo riattivare il vecchio login.
Peccato che, passati alcuni anni, ho dimenticato userid e password. Cerco allora di recuperarli e qui mi rendo conto che non sarebbe stata una buona scelta.
Infatti, la mail per il recupero dei dati registrata su Aruba è una mail che ad oggi non esiste più. Nessun problema, mi dico. Chiedo di cambiare la mail di recupero dati e per farlo utilizzo la chat apposita sul sito di Aruba. Una persona molto gentile mi informa che avrei dovuto compilare un form e rispedirlo firmato.
Cinque minuti di orologio dopo spedisco ad Aruba il documento firmato, completo di tutti i dati. Quindi, attendo.

Nel frattempo, cerco ancora su internet e trovo un altro provider, più economico di Aruba: Hostinger.

Faccio passare due giorni e: Aruba mi risponde che manca la copia del documento di identità, Hostinger risulta irraggiungibile (su internet ricca documentazione di persone che si lamentano per il server down).
Ok, capisco che “non è cosa”.

Cerco all’estero. Trovo Ehost, americano. Mi registro, pago ed attendo anche qui un paio di giorni affinché abbiano il tempo di propagare i DNS (quando si genera un nuovo nome di dominio si devono aggiornare tutti i server che fanno la risoluzione dei nomi, ovvero accoppiano il nome del dominio all’indirizzo IP fisico – numerico – del sito).

Aruba mi manda una mail chiedendo: “Tutto bene? Che facciamo?” alla quale rispondo: “Già fatto, grazie! Se aspetto voi…”. Anche Hostinger mi manda una mail dicendo che hanno risolto i loro problemi (si, si!).

Insomma, sono online.

E qui… Scopro che il collegamento ftp per poter caricare i file sul server non funziona correttamente. E’ vero che non ho avuto tempo di approfondire (e che all’inizio è dipeso dal mio firewall a bordo macchina), ma qualche altra cosa c’è. Non riesco a trasferire più che qualche file per volta, dopodiché il server restituisce errore.
Potrei risolvere con calma leggendo le faq, potrei scrivere una mail ad Ehost e chiedere spiegazioni, ma il tempo passa e non ne ho molto.
Quindi, mi ingegno.

Ricordo, nella mia passata esperienza di programmatore php che esistono dei file manager appunto in php che potrei utilizzare… Ne cerco su internet e ne trovo uno costituito da un unico file! (phpFileManager ver. 0.9.8) Eccellente. Peccato che dalla macchina sulla quale lavoro non posso accedere al pannello di gestione del mio sito. Quindi:

mi spedisco il file via mail sul cellulare (iPhone), accedo al pannello di controllo del sito dal cellulare, creo un nuovo file chiamato index.php, gli copio dentro il contenuto del file spedito via mail e salvo.

Provo. Funziona!

Impostata password, lo uso. E’ perfetto. Tramite questo, installo anche un navigatore un po’ più completo (anche se meno veloce): eXtplorer ver. 2.1.7

Funziona benissimo. Testo i trasferimenti, testo la funzionalità di compressione e decompressione dei file. Tutto ok.

Mi batto la mano sulla spalla da solo. Mitico.

Aggiornamento:

sembra che phpFileManager ver. 0.9.8 sia affetto da possibilità di accesso mediante exploit (leggi qui). Quindi, lo rimuoverò, anche se ha fatto il suo dovere iniziale!